• +045 7610884
  • info@cplservizi.com

Archivio dei tag io so fare

NUOVO CDA IN C.P.L. SERVIZI

MODIFICA STATUTO

Mercoledì 15 maggio alle ore 19.30 presso la sede della C.P.L.  SERVIZI si è svolta l’Assemblea Straordinaria dei Soci della Cooperativa per procedere alla modifica dello Statuto  allineandolo alle indicazioni della Riforma del III settore. In particolare si è modificato l’ART. 5 riguardante l’Oggetto Sociale, che ora è il seguente.

Art. 5 – Oggetto Sociale. 1. Per il raggiungimento degli scopi e delle finalità previste dal precedente art. 4, la Cooperativa si propone di svolgere in modo organizzato e continuativo i servizi e le attività lavorative di cui all’art. 1 della Legge 381/1991 e sue successive modificazioni ed integrazioni. In particolare la Cooperativa si propone di svolgere anche con terzi non soci, le seguenti attività sociali:

1) La gestione di servizi socio sanitari ed educativi per persone con disabilità, minori, anziani, persone affette da disagio psichico e fisico e qualunque altro soggetto in stato di fragilità sociale; 2) Servizi domiciliari di assistenza, sostegno e recupero sociale di persone e gruppi familiari in situazione di disagio od emarginazione sociale; 3) Attività di formazione professionale e preparazione al lavoro per persone disabili e non; 4) Attività culturali, ricreative, sportive e di animazione, finalizzate alla sensibilizzazione della comunità sui temi dell’accoglienza, della tolleranza per lo sviluppo civile e democratico della società; 5) Servizi di pre – collocamento e stage lavorativi finalizzati alla formazione ed all’inserimento lavorativo di persone disabili ed invalidi civili in genere; 6) Sviluppo e promozione attraverso la realizzazione di manufatti artigianali e industriali in genere, finalizzati all’occupazione di persone con disabilità o in stato di svantaggio; 7) La gestione di servizi di mensa aziendale, per scuole, istituti ed enti pubblici e privati in genere, sia presso la sede che al domicilio dei committenti; 8) Servizi di noleggio automezzi speciali e/o autovetture con conducente (N.C.C.) per persone con disabilità; 9) Produzione e vendita, all’interno di laboratori occupazionali, di complementi d’arredo ed articoli da regalo in genere; 10) Il commercio e la distribuzione di merci e prodotti del settore non alimentare in genere; 11) L’organizzazione di convegni, manifestazioni, feste e spettacoli per la promozione delle attività sociali e la raccolta di fondi, anche attraverso la vendita di prodotti dei propri servizi e la gestione di stand, chioschi e centri ricreativi. 12) Servizi di consulenza psico – pedagogica ed attività di sostegno alle famiglie; 13) La progettazione, l’organizzazione e la gestione di studi professionali sanitari e/o parasanitari integrati con attività socio sanitarie e servizi socio sanitari territoriali, centri e presidi ambulatoriali di recupero e riabilitazione funzionale; consultori familiari.

2. La Cooperativa potrà inoltre compiere tutte le operazioni di natura mobiliare, immobiliare e finanziaria ritenute necessarie od utili al raggiungimento degli scopi sociali, ivi comprese la partecipazione a gare di appalto pubbliche e private, la stipula di apposite convenzioni con Enti ed Associazioni pubbliche e private per la gestione di servizi nel settore sociale, sanitario ed assistenziale.

3. A titolo esemplificativo, essa potrà quindi, con apposita deliberazione del Consiglio di Amministrazione: Costituire fondi per lo sviluppo tecnologico, la ristrutturazione ed il potenziamento delle proprie attività aziendali, ai sensi dell’articolo 4 della Legge 31/1/1992 n.59; Raccogliere conferimenti e prestiti in denaro dai soci predisponendo all’uopo, apposito regolamento per il risparmio sociale, con le modalità e nei limiti delle vigenti disposizioni di legge in materia;

Il responsabile di Confcoperative Giovanni Maragnoli, nella foto a fianco di Ornella Lonardi, illustra all’assemblea le principali modifiche dello statuto.

APPROVAZIONE BILANCIO

Alle ore 20.30  l’Assemblea Ordinaria  dei Soci  si è riunita per  l’approvazione del Bilancio e la nomina del Nuovo Consiglio di Amministrazione. Il Bilancio, con un fatturato di 1.506.754,11, in crescita rispetto al 2017, ha evidenziato un utile di 5.664.20, ed è stato approvato con voto unanime dai Soci presenti. Il nuovo Consiglio di Amministrazione, che resterà in carica fino alla primavera del 2022 con l’approvazione del bilancio 2021, risulta  ora così composto:

LONARDI ORNELLA           (Coordinatrice Centro Diurno, Responsabile Formazione e Qualità)

DESTRINI GABRIELE          (Fundraiser , Responsabile Servizi Educativi )        

GECCHELE LUCA               (Coordinatore Comunità Alloggio)

FRISON FEDERICO             (Operatore Centro Diurno)

RIZZI ELENA                                     (Educatrice Asilo Nido)         

TOMMASINI VANIA             (Responsabile Servizi Infanzia)

ROSSINI MARIA TERESA   (mamma di Stefano, utente Centro Diurno) 

NUOVE CARICHE SOCIALI

Il nuovo CDA riunitosi dopo l’approvazione del Bilancio ha deliberato le nuove cariche sociali:

ORNELLA LONARDI                       Presidente

GECCHELE LUCA                            Vice Presidente

La Cooperativa coglie l’occasione di ringraziare Stefania Lonardi per il costante impegno profuso in qualità di Consigliere negli ultimi mandati. A tutti gli auguri  di buon lavoro per il prossimo triennio. Il prossimo Consiglio Di Amministrazione è programmato per giovedì 23 maggio 2019 alle ore 18.30.

FIRMATO L’ATTO DI ACQUISTO DELLA SEDE

Sì conclude positivamente la trattativa decennale con il Comune di San Bonifacio: finalmente l’immobile di via Sandri è di proprietà di CPL SERVIZI ONLUS

Venerdì 28 dicembre rimarrà una data storica per la Coperativa CPL SERVIZI, una di quella che aspettavamo da tempo e chie finalmente è arrivata. Alle ore 11,00 presso gli uffici del notaio Marranghello la Presidente di CPL SERVIZI ONLUS ha firmato l’atto per l’acquisto dell’immobile di Via Sandri che passa dunque dal comune di San Bonifacio alla Cooperativa.

Si tratta di un investimento importante per CPL SERVIZI ONLUS che finalmente potrà programmare il proprio futuro con maggior serenità.

Questo importante passo è stato reso possibile grazie all’attuale Amministrazione Comunale, disponibile alla trattativa e sensibile a mantenere il Centro Diurno e la Comunità Alloggio per disabili nel territorio di San Bonifacio.

Una propria sede è stata a lungo il progetto del Presidente uscente della Cooperativa GIORGIO MAINENTE, ma tutti i tentativi con le precedenti amministrazioni comunali non avevano portato a nulla di concreto. Il progetto presentato da ORNELLA LONARDI e la sensibilità del sindaco GIAMPAOLO PROVOLI hanno permesso di riprendere in mano la trattativa che ha portato alla stipula di venerdì 28.

Questo 2018 si chiude quindi in bellezza per CPL SERVIZI, un 2018 segnato da impotanti novità come il progetto Welfcare, l’attivazione e lo sviluppo di nuovi servizi individuali per minori, la sistemazione degli spazi in comunità e al Centro Diurno, l’Evento TUTTinSCENA, l’intervista a Manuel Marson e, da ultimo appunto, l’acquisto della sede.

Un importante passo che responsabilizza tutto il personale di CPL SERVIZI ONLUS e tutte le persone che vogliono bene alla Coopearativa: a partire dai primi mesi del 2019 partiranno i lavori per la ristrutturazione della sede. Vogliamo che la sede di via Sandri sia sempre più il luogo in cui le persone si possano sentire a casa, aiutate e valorizzate per le loro capacità. Per farlo serviranno pesanti investimenti, probabilmente superiori anche a quelli per l’acquisto dell’immobile, e servirà, appunto la buona volontà e l’aiuto di tutti.


Vendemmia Etica e Solidale

Mercoledì 10 ottobre 2018 i nostri utenti del Centro Diurno sono andati a trovare un caro amico. Già, perchè parlare di semplice collaborazione tra CPL SERVIZI ONLUS e AZIENDA AGRICOLA e B&B LE ALBARE è riduttivo: con il passare del tempo il legame che lega l’Azienda di Stefano Posenato agli utenti del centro diurno è diventata una vera e propria amicizia.

La cooperativa quando organizza i suoi eventi, non può fare a meno di proporre il vino de “Le Albare”; mentre Stefano e la sua famiglia, oltre a sostenere la cooperativa, appena può, invita gli utenti del Centro Diurno a trascorrere una giornata nei suoi splendidi vigneti in Val d’Alpone.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo legame è stato rafforzato, appunto, la settimana scorsa, quando gli utenti del Centro Diurno sono corsi ad aiutare Stefano nella vendemmia e dopo la vendemmia non poteva mancare un pranzo conviviale.

Questa attività è molto importante per gli utenti del Centro Diurno perchè viene svolto all’aria aperta migliorando quindi il benessere psicofisico dei ragazzi che, tra l’altro, si divertono tantissimo.

Lo stare nei vigneti, prendere la forbici, trasportare l’uva, raccogliere le ceste e muoversi con il trattore sono tutte esperienze che aiutano gli  utenti a mettersi in gioco, a superare i propri timori e le proprie difficoltà in un contesto tutto nuovo. Ancora una volta hanno testimoniato il loro IO SO FARE.

 

Un estratto del quotidiano L’Arena di martedì 16 ottobre 2018

 

1